Composizione a colori su base orientale

Composizione black & grey su base orientale realizzato da Victor Bertelletti
Composizione black & grey su base orientale realizzato da Victor Bertelletti

Solitamente il tatuaggio giapponese viene realizzato sotto forma di composizione, e cioè un tatuaggio articolato formato da più soggetti concatenati e uniti da uno sfondo unico. Proprio per questo motivo, la tradizione e l’usanza vuole che venga realizzato su zone del corpo particolarmente estese quali gambe intere, maniche intere, schiena completa e così via.

Nulla toglie che si possa realizzare anche un solo soggetto come ad esempio una carpa o un fiore di loto, ma questo esula dal tipico tradizionale giapponese andandosi a inserire in un settore lasciato vuoto, ossia quello dei soggetti orientali fini a se stessi.

Come si vede dalla foto il mio tatuaggio è un vero e proprio “giapponese” con tutti i crismi e qualche particolare inusuale.

Realizzato sull’intera manica del cliente, vede il susseguirsi di diversi elementi quali il dragone, le fiamme e il mare; ma è il bianco e nero che caratterizza tutto il pezzo.

Non è infatti così frequente trovarlo nel tradizionale giapponese, lo si trova per lo più nei tatuaggi di ispirazione   orientale ed altri stili. Con questa scelta abbiamo optato per la valorizzazione del bianco e nero ma con un tocco di colore.

Le fiamme sono infatti gli unici elementi colorati del pezzo..

In questo modo il tatuaggio ha seguito alla perfezione gli stilemi del black and grey ma con un poco di originalità.

In sostanza si tratta di un tatuaggio orientale del quale vado molto orgoglioso e che ritengo un bell’esempio di come si possa unire tradizione ed originalità.

Se apprezzate il mio lavoro e volete saperne di più potete visitare anche il sito ufficiale dello studio a questo indirizzo www.tatuaggiartistici.com, se invece volete un contatto diretto potete trovarmi su facebook [facebook.com/Victors-Tattoo] o scrivere a Info@tatuaggiartistici.com

Composizione black and grey su base orientale realizzato da Victor Bertelletti